Utilizzo titolo Cavaliere, reato oppure no?

  24 Nov 2016   131

Buongiorno, vorrei un informazione. So che per fregiarsi del titolo di Cav. (Cavaliere) nei rapporti formali (es. apporre Cav. alla propria firma), bisogna richiedere l'autorizzazione al Ministero degli Affari Esteri. Ma io vorrei sapere, in ogni caso tale "privilegio" è concesso solo agli insigniti di onorificenze della Repubblica (es. Ordine Militare d'Italia, Ordine al Merito della Repubblica Italiana) e si rischia dunque di incorrere nell'usurpazione di titolo nel caso di altri ordini cavallereschi? Entro nello specifico, un Cavaliere di Sealand (Micronazione nelle acque internazionali a circa sei miglia dall'Inghilterra), può semplicemente scrivere di esserlo sul proprio bigliettino da visita senza chiedere autorizzazioni e senza incorrere in reati? Poiché non ci si fregia del generico "Cav. Cavaliere" ma si specifica proprio "Cavaliere di Sealand". Questo, per non incorrere nella violazione amministrativa sanzionata dalla L. 178/1951, ripeto il mio dubbio è perché ci sono pareri discordanti, chi dice che non si può fare a prescindere e chi invece dice che se si scrive precisamente "Cavaliere di Sealand" non si incorre in reato poiché non si vantano falsi titoli come accadrebbe se si scrivesse solo il generico "Cav. Cavaliere" magari generando equivoci (Cav. della Repubblica, Cav. di Malta, ecc...). Per tanto, domanda secca, un cavaliere di sealand può scrivere di esserlo senza chiedere autorizzazioni (anche perché trattandosi di una micronazione non è riconosciuta) e senza incorrere in reati? Grazie infinite e buon lavoro Distintamente


0 Answers

 


BE THE FIRST ONE TO ANSWER THIS QUESTION

 

AskLawyer
P: (+39) 02 9475 1454 Milan, Italy

We assist you in:
Italy Spain France Germany United Kingdom United Arab Emirates Thailand China India Russian Federation

AskLawyer Copyright © 2016-2017 Terms and conditions of the legal advice service